UN BIG MONDIALE A MODA SOTTO LE STELLE

Giuseppe Fata entra Ufficialmente nella Camera Nazionale della Moda Svizzera

 Lugano – il noto stilista di fama mondiale Giuseppe Fata arriverà direttamente da Parigi, dove ha sfilato con la sua ultima e splendida collezione che potremo ammirare a Lugano dal 6 al 10 settembre in occasione della nota Kermesse Internazionale più prestigiosa della Svizzera, giunta alla 18° edizione, FASHION UNDER THE STARS (Moda sotto le Stelle) evento che gode del Patrocinio della Città di Lugano, spiccatamente culturale, di stile, eleganza e internazionalità di critica e pubblico, all’interno del contenitore della FASHION WEEK LUGANO. Nel panorama internazionale Giuseppe Fata  è tra coloro che maggiormente hanno contribuito a tenere alto il nome della moda nel  mondo, attraverso l’esaltazione del gusto e della bellezza che sono in questo grande genio della creatività.

Giuseppe Fata Membro Esecutivo Ufficiale CNMS

L’ evento si svolgerà all’ Hotel Dante Lugano venerdì 8 ore 17:00 Seminario aperto al pubblico con Giuseppe Fata “Racconto di un Sogno in Testa Scultura” e sabato 9 settembre ore 20:30 Sfilata Alta Moda aperto al pubblico. Per la parte svizzera parteciperà il talento nazionale svizzero Manuela Soldati membro della CNMS da 9 anni e recentemente insignita del premio ricevuto allo SWISS FASHION WORLD svoltosi in Ambasciata Svizzera che ci farà ammirare la sua ultima collezione con la sua “Eleganza Azzardata” famosa in diversi paesi del mondo, la stessa scelta, nei mesi scorsi, tra 36 stilisti “svizzeri” da tutto il mondo candidatisi per la realizzazione della nuova opera dell’abito di “MADRE HELVETIA” idea e paternità by Franco Taranto, realizzato con tessuti svizzeri da Manuela Soldati sarà presentato sabato 9 settembre, con un lungo mantello di 10mt. Inoltre anche un altro giovane talento della NEW GENERATION DESIGNER Dimitar Dradi della CNMS sfilerà con 10 capi. Non poteva mancare la grande artista internazionale Vanessa Mini che si esibirà in uno ShowCase in 4 lingue con alcuni brani di alto spessore.  Per partecipare ai due eventi per gli ultimi posti ci si può prenotare su: info@cnms.ch . Giuseppe Fata conosciuto come l’ “Hair Stylist delle Dive e Hair Designer D’Alta Moda” e “Creative Director International Head Sculpture Designer”. Si diploma  Maestro d’Arte all’Accademia Nazionale ANAM di Firenze e diventa docente Accademico all’Accademia Nazionale  ANAM di Roma, per poi formarsi come stilista d’accessori d’Alta Moda presso l’Accademia di Moda. Da qui  inizia la sua travolgente attività nel mondo del fashion e dello spettacolo. Nel 1999, all’Istituto Nazionale INAI, vince tre titoli come Campione Italiano di “Hair Stylist d’Alta Moda” e da lì in poi la sua carriera è inarrestabile.  Ha lavorato con personaggi di fama Internazionale come la costumista Gabriella Pescucci, premio Oscar  del film “L’Età dell’Innocenza” di Martin Scorsese; “Il Cinema va di Moda” Galleria Alberto Sordi di Roma, Festival Internazionale del Cinema di Roma; “Da Hollywood a via Veneto” con Sean Connery, Nicole Kidman, e Monica Bellucci; per lo Studio Galgano contribuisce a realizzare le acconciature delle top model per i “Cinquant’anni di Moda Italiana”; lo ritroviamo a Lyon con il Team Premio Sergio Valente. Nel 2001 vince il prestigioso Premio Internazionale Hair Designer  “Sergio Valente” che lo annovera fra i suoi preziosi collaboratori. Si distingue con i suoi lavori per: Krizia, Valentino, Ermanno Scervino, Lorenzo Riva, Gianfranco Ferrè, Biagiotti,  Raffaella Curiel, Renato Balestra, Fausto Sarli, Gai Mattiolo, Abaed Mahfouz, Fhashion Istitute Tchnology – F.I.T. di New York, Art of Designe della St. Martin’s School di Londra.

L’anno della consacrazione mondiale è il 2002, quando gli viene conferito il più importante Premio cui un Hair Designer  può ambire: Il Premio Internazionale “La Rose d’or” di Parigi. Maestro di stile e di eleganza, ha accompagnato molti personaggi del mondo dello Spettacolo e del Cinema, è lui che ha  firmato le acconciature per: Dionne Warwick, Alberto Sordi, Virna Lisa,Lina  Sastre, Randy Crawford, Bryan Ferry, Giuseppe Zeno, Lionel Richie, Sergio Cammariere, Claudia Cardinale, Anastasia, Lenny Kravitz, Noa, Natalie Imbruglia, Ramona Badescu, Lauryn Hill, Khaled, Dolores O’Riordan, Eva Riccobono, Maria Carla Bosconi e tanti altri.

Photo by Franco Taranto, Designer Manuela Soldati

La sua arte viene omaggiata dalla città di Roma, che lo insignisce della nomina d’Ambasciatore di Moda Arte e Stile Italiano. Ha lavorato per numerose trasmissioni televisive: il Concerto di Natale in Vaticano, Donne Sotto le Stelle canale5, Cinema e Moda Rai2, Gran Premio dello Spettacolo Telegatti Canale5, Festival di Sanremo Rai1, Io Canto Rai2, Ballando con le Stelle Rai1, Festa Italiana Rai1, Premio Mia Martini, Domenica IN Rai1, Vita in Diretta Rai1. Nel 2003 Giuseppe Fata è stato ricevuto, in occasione del Concerto di Natale in Vaticano,dal Cardinale Camillo Ruini Vicario Generale di Sua Santità per la Diocesi di Roma, e nella stessa giornata da Sua Santità Giovanni Paolo II.  Risale, invece, al 2005 l’ incontro, a Palazzo Chigi, tra il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi e gli Stilisti dell’Alta Moda. Nel 2006 riceve una pergamena di Benedizione da Papa Benedetto XVI come Artista Italiano. Nel 2008 è scelto come premiante per la consegna del “Premio Cultura Don Giuseppe Blasi” al premio Oscar Roberto Benigni. Nel 2011 viene ricevuto dal Presidente della Camera dei Deputati ON. Gianfranco Fini e, successivamente, in Campidoglio dal Sindaco di Roma Gianni Alemanno. Tra i numerosi premi conferiti: Premio Internazionale  Eccellenze Italia, Elefante d’Argento Catania, Ago d’Oro, Pericle d’Oro per la moda; Premio Internazionale Fashion Designer, Premio Naz. ANAM Teatro Ariston di Sanremo, Premio Nazionale ANAM Firenze, Hair World Parigi 2010 sez. Bride Alta Moda, Medaglia D’oro Conferita dal Principe Carlo Massimo Di Savoia, The Look of The Year. Premio HERACLEA 2013. Amante della Cultura dello Spettacolo e dell’Arte, non si accontenta del diploma di Docente Accademico ma, per sua profonda passione, si specializza anche come Art Director e ideatore di Grandi Eventi, fra i quali ricordiamo il Convegno sul Cinema,  con la presenza dei premi Oscar Carlo Rambaldi, Osvaldo Desideri e Aldo Segnoretti. Per l’ amore e la dedizione alla sua terra, la Calabria,  nel 2007 viene insignito della carica di Presidente della Camera Regionale della Moda Calabria su proposta, da Roma, della Principessa Costanza Afan De Rivera Costaguti Florio. Nell’anno 2015, la consacrazione con la nomina di Presidente Camera Nazionale Giovani Fashion Designer. 2017 Nomina di Presidente HAUTE COUTURE VISION – Milano – Paris – New York. Nel 2017 diventa Ufficialmente Membro Esecutivo della Camera Nazionale della Moda Svizzera.

Patrocino Ufficiale della Città di Lugano

L’evento sarà arricchito con un’ altro grande artista del panorama internazionale Gerardo Sacco con i suoi meravigliosi gioielli che sfilano in tutto il mondo e incantano di luce e magia che nasce da credenze, miti sogni antichi, tradizioni e leggende. Ogni pezzo ha un potere quasi magico, esprime un valore da trasmettere di madre in figlia, è il testimone dell’amore di un uomo verso una donna. Alle donne di oggi che come sempre hanno il potere di incantarci!

ARTE E MESTIERI

Contaminazioni forti pure ed indomabili! Sono questi gli elementi che fanno dei gioielli di Gerardo Sacco un esempio di vitalità artistica e forza emotiva. Si deve a queste caratteristiche, ed alla capacità di studiare e reinterpretare i modelli del passato, la scelta di Franco Zeffirelli  di affidargli la realizzazione dei gioielli di scena per molteplici opere teatrali e cinematografiche. Il suo estro, elaborato ed eccentrico, lo rende capace di creare tesori multiformi e multicolori, adatti a dive intramontabili oltre che per le collezioni contemporanee.

INNOVAZIONE

Un sorprendente viaggio. Gioielli che ci conducono in uno spazio fatto di antichi mestieri e tecniche da sperimentare. La passione e la capacità di voler tramandare alle future generazioni un sapere che, oltre alle abilità manuali, si alimenta di una continua ricerca volta all’originalità ed all’audacia.

FESTA NAZIONALE DEL 1° AGOSTO SUL RUETLI

Il Patto confederale o lettera di alleanza (in tedesco Bundesbrief) documenta l’alleanza eterna o lega dei tre cantoni forestali (in tedesco Ewiger Bund der Drei Waldstätten), ovvero l’unione dei tre cantoni dell’odierna Svizzera Centrale che si formò ai primi di agosto dell’anno 1291. Viene chiamato anche Patto del Grütli, dal nome del luogo dove venne stipulato.

PRESIDENTE JEAN DANIEL GERBER AI PIEDI DI MADRE HELVETIA INAUGURAZIONE UFFICIALE DEL 1° AGOSTO 2017 AL RUETLI

La stipula del patto è convenzionalmente legata alla nascita della Prima confederazione elvetica. Il testo dell’accordo, tuttavia, afferma di rinnovare «con il presente accordo l’antico patto pure conchiuso sotto giuramento» e che fosse «opera onorevole ed utile confermare, nelle debite forme, i patti della sicurezza e della pace», patti dei quali si è però persa ogni traccia[1]. Da ciò si presume che l’effettiva nascita dell’antica confederazione sia d’epoca ancora precedente a quella convenzionale.

NELLA FOTO INAUGURAZIONE UFFICIALE CON EVELINE VIDMER SCHLUMPF E MADRE HELVETIA

La confederazione del 1291 crebbe attraverso una lunga serie di annessioni, fino a diventare la Svizzera moderna. L’alleanza venne conclusa tra le genti delle zone alpine di UriSvitto e Untervaldo ( homines vallis Uranie universitasque vallis de Switz ac communitas hominum Intramontanorum Vallis Inferioris). I partecipanti vengono indicati come conspirati e (come sinonimo) coniurati, tradizionalmente tradotto in tedesco come “Eidgenossen“.

 

NELLA FOTO MADRE HELVETIA PRESA D’ ASSALTO DAI MEDIA INTERNAZIONALI

La lega venne creata con propositi di difesa contro qualsiasi attaccante e di organizzazione sociale, probabilmente su impulso della morte di Rodolfo I d’Asburgo, avvenuta il 15 luglio 1291. Prima della sua morte, gli Asburgo avevano tentato di ribadire le loro pretese su Svitto e Untervaldo, che condussero ad un susseguirsi di interventi militari.

 

NELLA FOTO EVELINE VIDMER SCHLUMPF SI INTRATTIENE CON MADRE HELVETIA

L’autenticità del documento è stata contestata finché nel 1991 la pergamena è stata scientificamente datata come prodotta tra il 1252 e il 1312 (con una certezza dell’85%). Il documento è quindi certamente slegato dall’emergere del moderno stato federale nel 1848, come taluni avevano supposto. Vi si ritrovano inoltre tracce nel capitolo 15 della Bolla d’Oro del 1356 in cui Carlo IV di Lussemburgo mise fuorilegge qualsiasi conjurationes, confederationes, e conspirationes, con particolare riferimento alle alleanze cittadine (Städtebünde), ma anche ad altre leghe comunali che erano fiorite in più zone dell’Europa medioevale.

REGALE MADRE HELVETIA AL RITORNO IN TICINO

FOTO BY FRANCO TARANTO

CIOCCOLATA E TRADIZIONI ALLA FESTA SVIZZERA

SVIZZERA E ITALIA MOLTO PIÙ CHE VICINE, VERI E PROPRI PARTNER!

Svizzera e Italia qualità e relazioni economiche di prestigio tra due meravigliosi paesi. Partner naturali che condividono la lingua, cultura ed in parte la storia comune. 

Console Generale Italiano in Svizzera Marcello Fondi, Madre Helvetia e Presidente Generale CNMS Franco Taranto

Ricordiamo oltre mezzo milione di italiani risiedono in Svizzera e oltre 70000 frontalieri nel solo Ticino. La Svizzera è un economia aperta e dinamica e tra i due paesi si percepisce un rispetto reciproco per la loro storia, appeal e successi economici, un legame forte e profondo. La Svizzera spesso investe al di fuori delle frontiere per sviluppare le sue attività economiche e naturalmente in Italia. Rafforzando gli scambi di pubblico interesse con crescita e ricadute positive per i due paesi.

Per la CNMS

Franco Taranto

Presidente Generale